Anche a Novara “One billion rising”: flash mob contro la violenza sulle donne

Si è svolto anche a Novara, venerdì 14 febbraio 2014, la manifestazione “One billion rising”, iniziativa promossa per dire ‘no’ alla violenza sulle donne.
L’evento ha preso il via alle ore 17 in piazza Puccini, in pieno centro. Si tratta della seconda edizione della manifestazione, che ha carattere mondiale.

Lo scorso anno furono un miliardo e di più le persone che presero parte, in tutto il mondo, a “One billion rising”, diventando l’azione collettiva più grande mai fatta al mondo.

Per l’occasione si è svolto un vero e proprio flash mob, una danza sulle note di “Break the chain” (“Spezza la catena”). Lo scorso anno la protesta era contro la violenza maschile sulle donne, per il 2014 il tema è quello della “Giustizia”. Per sconfiggere la violenza sulle donne, infatti, servono norme e leggi concrete e importanti, norme e leggi che non penalizzino le donne.

(blogger lino-526)

Share

8 marzo 2013

 8 marzo: Non chiamiamola Festa della Donna!

 

Non ci  piacciono le vetrine con le mimose di plastica confezionate sulle scatole di cioccolatini e caramelle.

Non ci piace quando un simbolo diventa merce.

Noi, domani, vorremmo ricordare l’8 marzo con rispetto, il rispetto della Memoria che si deve alle donne discriminate ovunque, in qualunque angolo della Terra.

Vorremmo che l’8 marzo, ma anche tutti i giorni prima e quelli che verranno dopo, servisse a mantenere viva la memoria delle donne, note e meno note, che hanno dato voce alla protesta per sé e per le persone che voce e parole non hanno avuto la forza di trovare.

Vorremmo ricordare ciò che è dentro il nostro passato, ma anche e soprattutto il presente, qui o laggiù, non importa dove.

Vorremmo che l’8 marzo ci aiutasse a ricordare che non si deve tacere la violenza, l’arroganza, l’inganno, la falsità, il potere, l’ingiustizia.

Vorremmo ancora che ogni bambina, ogni ragazza, ogni donna avesse il diritto di poter “scrivere” la propria vita.

Vorremmo che l’8 marzo sapesse dire con forza che le donne non vogliono un mondo di sole donne o solo per donne, ma un mondo che accolga persone che si riconoscono e sanno rispettarsi.

Soprattutto, da domani, l’8 marzo chiamiamolo con il suo vero nome:
Giornata Internazionale dei Diritti della Donna.

Associazione Culturale Pagine e Colori

(articolo di: nicoletta)

Share

Quante tante donne – Le pari opportunità spiegate ai bambini

quante tante donne.jpg

E’ di un bellissimo libro uscito per I Sassolini della Mondadori un paio di anni fa che vogliamo parlare, scritto da Anna Sarfatti con la prefazione di Margherita Hack.

Ci parla delle pari opportunità.

Le bambine giocano con le bambole. I bambini con le costruzioni. Le bambine fanno danza. I bambini giocano a calcio. Chi l’ha deciso ? La parità tra maschi e femmine è un principio sancito dalla Costituzione, eppure ancora oggi è un obiettivo lontano. Le disuguaglianze cominciano a diffondersi quando siamo piccoli, il peggio è che crescono insieme a noi.

Così le donne accudiscono i bambini e gli uomini vanno a lavorare. Le donne fanno le segretarie e gli uomini i presidenti. Ma non tutte, e non a tutti, va bene così.

Ecco un modo per imparare con le rime e i disegni a lottare per i propri sogni, a capire che da grande si può fare la mamma e la casalinga, ma anche la sindaca e l’inventrice o, perchè no, la fotografa di ragnatele e l’accompagnatrice di sirene.

Un libro scritto al femminile, ma rivolto anche ai ragazzi e agli uomini che un giorno diventeranno.

(articolo di: nicoletta)

Share

A tutte le mamme

merini.png

In occasione della festa della mamma, l’Associazione Pagine e Colori, dedica alle mamme che ci leggono, i versi immortali di Alda Merini:

A tutte le donne

Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l’emancipazione.
Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d’amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra
e innalzi il tuo canto d’amore.

Alda Merini

merini1.png

(articolo di: nicoletta)

Share